giovedì 26 gennaio 2012

Quando Costa Crociere esaltava gli "inchini".

Si prova un senso di inquietudine oggi, leggendo quello che si pubblicava sul blog ufficiale della compagnia, fino a qualche tempo fa.

Un grazie al comandante Schettino per il suo saluto all'isola di Procida, una grande emozione, applausi, striscioni e vuvuzelas. L'entusiamo contagiava anche i commentatori del post, ma solo fino a fine 2011. Da un certo momento in poi, come si vede, l'aria che tira è decisamente un'altra.

(Facendo qualche ricerca in rete si scopre che il post, pubblicato nel 2010, è stato cancellato subito dopo l'incidente, suscitando proteste, ma è stato successivamente ripristinato).

1 commento:

Gorillik ha detto...

Soltanto un ingenuo poteva pensare che il comandante di un simile bestione si mettesse a fare certe manovre senza l'avallo dell'armatore... e se qualcuno dei sottoposti avesse fatto la spia, o lo avesse accusato di imprudenza? Era evidente che ci fosse una certa complicità di fondo. Tra l'altro, trovo delirante il post della tizia che chiede se si possa far montare la Ps3 in cabina... andare in crociera per restarsene chiusi in camera a giocare!!!