sabato 25 febbraio 2012

Da Ya Think I'm Sexy?


La nostra rassegna delle “best practice” in tema di servizi ai cittadini prosegue con il rapporto tra utente-cliente e mezzi di trasporto pubblico, ed in particolare con l'autobus.

Affidabilità, accessibilità, sicurezza e pulizia contribuiscono a rendere il trasporto pubblico "attraente", togliendo flussi di viaggiatori all'auto privata. La puntualità, la facilità d'uso, l'informazione in tempo reale creano un rapporto di fiducia tra l'azienda di trasporto e l'utente, facendolo sentire al centro di un sistema che lo accompagna durante tutti gli spostamenti della vita quotidiana. In Francia questa filosofia si è affermata nel tempo e non a caso la RATP, l'azienda di trasporto di Parigi (che gestisce autobus, tram, metropolitane e treni regionali), è all'avanguardia ed è il quinto attore del trasporto pubblico al mondo.



L'utilizzo delle tecnologie più moderne consente di monitorare costantemente la flotta dei 5000 autobus parigini e di fornire al cliente informazioni in tempo reale. Nelle pensiline (quella della foto è “arredata” a scopo pubblicitario), oltre alle mappe dell'intera rete, delle singole linee e del quartiere è presente un pannello a messaggio variabile che mostra il tempo mancante ai successivi due passaggi per ciascuna linea. Le stesse informazioni sono disponibili sul sito internet della RATP (dove c’è anche un’accattivante mappa interattiva di tutte le linee) o sul telefonino tramite sms o flashcode. Esistono inoltre applicazioni gratuite che facilitano la navigazione da tutti i principali tipi di smartphone.

Salendo sul bus è obbligatorio far registrare il proprio abbonamento dalle obliteratrici di bordo, come un normale ticket. Un sistema di tariffazione e biglietteria avanzato ha consentito di sostituire la vecchia carta magnetica dell'abbonamento con una tessera che funziona "senza contatto": basta avvicinarla al lettore posto sulla vettura ed il gioco è fatto. L'abbonamento è ricaricabile da casa via internet, presso i concessionari (negozi e locali pubblici), presso gli ATM bancari, presso le macchine automatiche situate nelle stazioni del metrò o alle fermate dei tram, oppure attraverso il proprio smartphone che, in questo caso, sostituisce la tessera e - sempre senza contatto - consente l'accesso alla rete di trasporto.

Il risultato di questo approccio è che il mezzo pubblico viene percepito come utile ed “invitante” e viene scelto da una clientela ampia e socialmente varia, contribuendo realmente a ridurre il traffico privato. I recenti investimenti in nuove linee di tram e di bus a percorso protetto hanno avuto un immediato successo di pubblico. Il gruppo RATP ha registrato nel 2010 un fatturato di 4,57 miliardi di euro con un utile di 186 milioni e vende il proprio know-how in tutto il mondo. Come gestore di reti è presente in 12 Paesi, tra i quali l’Italia dove tra l’altro gestisce in partnership il tram di Firenze. Molte delle soluzioni adottate in Francia sono ormai presenti in tutte le grandi città europee.

(di Angelo Furnari)

2 commenti:

Gorillik ha detto...

Proprio la settimana scorsa pensavo che uno dei primi compiti del nuovo sindaco dovrebbe essere quello di far eliminare le vecchie fermate color verde Amat che sono state lasciate di fianco alle nuove di colore rosso...

Angelo ha detto...

Credo che la cosa sfiori l'impossibilità: qualche tempo fa ho letto che, a quanto pare, le pensiline "vecchie" sono frutto di un contratto pluridecennale con un'impresa locale di cartellonistica e, pertanto, risulterebbero inamovibili. (Se è vero siamo su " Solo a Palermo").