sabato 20 ottobre 2007

Una legge sul conflitto di interessi ? No, un provvedimento anti-Grillo !

Quest'ultima "trovata" ha messo in allarme tutta Internet. Con un recente disegno di legge del 3 agosto, approvato in consiglio dei ministri il 12 ottobre, il Governo interviene in materia di editoria e propone (i disegni di legge vanno approvati in Parlamento, meno male...) di subordinare all'iscrizione in un Registro l'esercizio di attività editoriale. Per attività editoriale si intende la produzione e la distribuzione di prodotti editoriali. Sono definiti prodotti editoriali tutti i prodotti con finalità di informazione, formazione, divulgazione e intrattenimento in qualsiasi forma e attraverso qualsiasi mezzo, con l'unica eccezione dei mezzi di informazione aziendale.
Il punto controverso è che i blog, anche quelli "amatoriali" come questo, rientrerebbero in questa categoria, per non parlare delle "corazzate" come quello di Beppe Grillo, probabilmente il vero bersaglio di quest'iniziativa.
Insomma, c'è puzza di censura...
A proposito di editoria e comunicazione, ma non era prioritaria la legge sul conflitto di interessi ?
Qui c'è il disegno di legge.
Qui trovate l'allarme lanciato da Beppe Grillo.
E qui un articolo del Corriere con la risposta del Governo.

6 commenti:

Toti ha detto...

Mi chiedo perchè cazzo ho dato il voto a questi ......... che sì guardavano decisamente verso sinistra ...... ma evidentemente erano solo dei strabici!

Antonio Lo Nardo ha detto...

Ultim'ora: il Governo ha fatto marcia indietro.
http://www.corriere.it/politica/07_ottobre_20/ddl_legge_editoria_blog_gentiloni.shtml

Rimane la domanda: perché ci hanno tentato ?

Antonio Lo Nardo ha detto...

E rimane il sapore amaro di constatare che la marcia indietro del Governo è avvenuta, secondo me, solo dopo che si sono resi conto che Grillo avrebbe facilmente l'eventuale censura trasferendo il blog su un server straniero.

1) vogliono colpire chi non la pensa come loro (Grillo, Travaglio);
2) vogliono colpire chi indaga su di loro (De Magistris);

Questo Governo ha tanti meriti, primo tra tutti in tema di economia, ma alcuni comportamenti lasciano sconcertati.

Toti ha detto...

Tengo a precisare che "dei" usato nel mio intervento non costituisce errore ..... perchè in realtà loro si sentono veramente "dei" ....... ma lo possono solo essere in minuscolo ..... fortunatamente per noi!

E a proposito di impunità ..... questa nuova str........ di avocare l'inchiesta di De Magistris ...... che sembra il classico colpo di reni del portiere per parare un goal inevitabile ....... qualcuno può spiegare cosa si prepara dietro l'angolo ...... magari potremmo incominciare a comprare una "camicia" prima che aumentino i prezzi ..... e magari una serie di bandiere per essere sempre preparati a sbandierare quella del momento! Sigh!

marco leo ha detto...

Antonio, come editor, potresti scegliere la Banca d'Italia?

Il Ministro Bamboccione, ti potrebbe fare da garante?

A parte l'humor nero, se il provvedimento, l'avesse preso il brianzolo, saremmo scesi in piazza per difendere la liberta di parola e d'espressione con bandierine al seguito, la facciamo noi la por...., storciamo il naso, proponiamo soluzioni, ma non abbiamo nemmeno la voglia di protestare.

Sono stanco e amareggiato, non è la mia idea di centrosinistra.

Antonio Lo Nardo ha detto...

Marco, la penso esattamente come te sulla questione degli attacchi alla magistratura e alla libertà di opinione.
Non sono invece d'accordo con la tua sottintesa critica a Padoa Schioppa: insieme a Bersani, D'Alema, Bonino, Fioroni e Di Pietro costuitisce il nucleo di personalità che sta operando bene e in cui riposa la residua fiducia che nutro per questo centrosinistra.