giovedì 18 marzo 2010

Dimettetevi.

Per volontà di un uomo ricco e potente, il servizio pubblico televisivo sta subendo una gravissima censura ed è stato costretto a sospendere le trasmissioni di approfondimento politico. Eppure, di fronte all'enormità di questa vicenda, giornalisti e politici continuano il solito tran tran come se (quasi) nulla fosse.

Nei due più importanti organismi che sovrintendono all'informazione radiotv siedono, seppure in forte minoranza, anche consiglieri indicati dall'opposizione. Se non sono riusciti a garantire un diritto così fondamentale come quello all'informazione e al pluralismo, cosa ci stanno a fare ancora lì ? Non sarebbe ora di un gesto clamoroso, come le dimissioni ?



Commissione di Vigilanza RAI
Senatori
* CERUTI Mauro, PD
* MILANA Riccardo, PD
* MORRI Fabrizio, PD
* PARDI Francesco, IdV
* PROCACCI Giovanni, PD
* VIMERCATI Luigi, PD
* VITA Vincenzo Maria, PD
Deputati
* BELTRANDI Marco, PD
* CUPERLO Giovanni, PD
* FORMISANO Aniello, IdV
* GENTILONI SILVERI Paolo, PD
* MELANDRI Giovanna, PD
* PELUFFO Vinicio Giuseppe Guido, PD
--------------------------------------------------------------
CDA RAI
* Nino Rizzo Nervo (PD)
* Giorgio Van Straten (PD)

9 commenti:

Mik ha detto...

E già, peccato che la proposta sia venuta dal signor Beltrandi, un radicale intruppato nel PD, mica da quei cattivoni del centrodestra...

http://www.mcreporter.info/tv/beltrandi.htm

Antonio Lo Nardo ha detto...

L'iniziativa di chiudere le trasmissioni di approfondimento (una perifrasi per puntare dritto a Santoro e Florid) è stata del Cda Rai (di cui non fa parte Beltrandi), che ha solo preso a ignobile pretesto il regolamento Beltrandi approvato in Commissione di Vigilanza.

È lo stesso Beltrandi a dirlo:
http://www.irispress.it/iris/page.asp?VisImg=S&Art=76769&Cat=1&I=null&IdTipo=0&TitoloBlocco=Politica&Codi_Cate_Arti=27

Mik ha detto...

Certo! Se il signor Beltrandi non avesse offerto il destro al CdA, non sarebbe successo nulla, ma qualche utile idiota si trova sempre: evidentemente, a furia di farsi le canne, qualche neurone deve averlo smarrito.
Non mi pare che sia molto amareggiato per il suo gesto, del resto i radicali hanno sempre rotto i cabbasisi ad ogni tornata elettorale per lamentare l'oscuramento dalle tv: e sì che prendono una bella paccata di miliardi perchè fanno "servizio pubblico" trasmettendo le cronache dal parlamento...

Angelo ha detto...

Sempre meglio le cronache dal Parlamento dei Radicali che le cronache da Palazzo Grazioli di Minzolini...

Mik ha detto...

Costano lo stesso.

Mik ha detto...

Sono due facce della stessa medaglia: è la stessa feccia politicante e attenta ai propri interessi, ma con un nome diverso.

Antonio Lo Nardo ha detto...

Ammesso e non concesso...
a chiudere (=censurare) Santoro e Floris è stato Berlusconi. Mi pare incontestabile. E anche gravissimo.

Mik ha detto...

Non lui.
I suoi servi.
E' leggermente diverso.
E la cosa ha fatto comodo anche al PD.

Angelo ha detto...

Scusate l'autocitazione da un commento ad un altro post:

(L'antipolitica) "Facendo "di tutta l'erba un fascio", ha messo tutti i politici sullo stesso piano, di fatto de-responsabilizzandoli e favorendo quelli che diceva di volere combattere."

Good night and good luck.